Attualità
La decisione

Il centro vaccinale di Vimodrone trasloca nella palazzina ex Asl

La scelta dell'Amministrazione comunale, dopo l'alleanza con la chiesa locale che aveva messo a disposizione la struttura parrocchiale di via 11 Febbraio.

Il centro vaccinale di Vimodrone trasloca nella palazzina ex Asl
Attualità Martesana, 29 Ottobre 2021 ore 12:42

Il centro vaccinale di Vimodrone trasloca nella palazzina ex Asl. La scelta dell'Amministrazione comunale, dopo l'alleanza con la chiesa locale che aveva messo a disposizione la struttura parrocchiale di via 11 Febbraio. Aprirà nella nuova location settimana prossima.

Il centro vaccinale di Vimodrone trasloca

Con la pubblicazione di un avviso di manifestazione di interesse, il Comune ha dato avvio alla procedura per sondare la disponibilità di operatori privati o accreditati con Ats a gestire un centro vaccinale all’interno dei locali della palazzina di via Cesare Battisti, ex sede municipale ed ex Asl. Questo perché domenica 31 ottobre 2021 il centro vaccinale di prossimità ospitato nei locali della parrocchia di San Remigio chiuderà, dopo cinque mesi di intensa attività al servizio dei cittadini di Vimodrone e non solo.

"Il centro vaccinale di via 11 Febbraio chiude, ma come Amministrazione riteniamo strategico continuare ad avere sul nostro territorio un hub - ha dichiarato l’assessore alla Salute Enzo Gregoli - Soprattutto ora che inizia la somministrazione della terza dose di vaccino, fondamentale per tenere sotto controllo la pandemia".

Un'alleanza che si è dimostrata vincente

Il centro di prossimità ospitato nei locali dell’oratorio ha rappresentato un modello virtuoso di collaborazione tra un’amministrazione pubblica, il privato accreditato, la parrocchia e oltre cento volontari, che hanno dato un contributo fondamentale nella gestione delle operazioni.

"L’azione del gruppo di volontariato è stata la vera spina dorsale del Centro Vaccinale di Vimodrone, l’orecchio che ha saputo ascoltare ogni richiesta portata dai singoli pazienti, il sorriso che ha saputo rassicurare le paure e le ansie nell’attesa della somministrazione della dose vaccinale e la simbolica mano che ha accompagnato tutte le persone nel percorso d’uscita dall’incubo che l’emergenza epidemiologica ha rappresentato", ha dichiarato l’assessore Marco Albertini.

Ma la pandemia non è finita

La pandemia però non è finita e Vimodrone si candida a essere uno dei centri di contrasto al Covid-19, proponendo come centro vaccinale una struttura che ha avuto e dovrà continuare ad avere una vocazione sanitaria di prossimità.

"E' molto importante avere un centro vaccinale all’interno della palazzina ex Asl - ha dichiarato il sindaco Dario Veneroni - Questo perché da un lato permetterà a molti nostri concittadini, soprattutto i più anziani, di vaccinarsi all’interno del nostro Comune, dall’altro perché si inizierebbe a rafforzare la funzione di assistenza territoriale socio-sanitaria dell’edificio, alla quale è candidato anche per il futuro. Il Comune infatti ha proposto la palazzina ex Asl come Casa di comunità, una formula di assistenza territoriale prevista dal Piano nazionale di ripresa e resilienza".