Attualità
Opera pubblica

Ha riaperto a mezzo servizio la passerella sull'Adda tra Cassano e Fara

Il Comune orobico ha concluso i lavori per la messa in sicurezza dell'antico passaggio che collega le due province. Ma manca ancora l'impianto luci.

Ha riaperto a mezzo servizio la passerella sull'Adda tra Cassano e Fara
Attualità Cassanese, 06 Novembre 2021 ore 10:00

Ha riaperto a mezzo servizio la passerella sull'Adda tra Cassano e Fara di Gera d'Adda; lo spiega Primatreviglio. Il Comune orobico, proprietario della struttura ha completato i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza, ma manca ancora la posa dell'impianto luci.

Ha riaperto a mezzo servizio la passerella sull'Adda tra Cassano e Fara

La passerella sull'Adda tra Canonica e Cassano d'Adda (o per meglio dire la frazione di Groppello) ha riaperto, ma con orari contingentati. Per ora l'illuminazione è ancora assente. Di notte quindi non potrà essere usata. D'altronde, vista la stagione, non sarebbero stati in molti a frequentarla con il calare del buio. Si tratta quindi di un'apertura provvisoria, dal momento che la posa dell'impianto di illuminazione previsto sia slittata (verrà realizzata nelle prossime settimane). La passerella resta quindi aperta dalle 7.30 alle 18 tutti i giorni.

Trecentomila euro per un luogo d'incanto

Sono passati oltre nove mesi da quando l'impresa appaltatrice aveva intrapreso, il 18 gennaio 2021, i lavori di riqualificazione (fissando in 240 giorni il tempo per l'opera, al netto dei giorni di riposo però e delle ferie per il personale). L'Amministrazione aveva investito sul progetto circa 300mila euro (soldi provenienti dai 350mila ricevuti dalla Regione per la ripresa economica). Questo, nonostante i dubbi di parte della cittadinanza, che anche attraverso i social media aveva, da una parte, criticato la scelta di intervenire economicamente in modo così massiccio sulla struttura, e dall'altra aveva dato vita a una petizione che, pur dichiarandosi d'accordo con l'intervento, aveva sollevato questioni in merito all'importanza della preservazione estetica del manufatto ottocentesco.