Attualità
maltempo

Forte temporale sulla Martesana, anche l'ospedale finisce sott'acqua

Protezione civile al lavoro lungo la Provinciale che da Bussero conduce a Cernusco sul Naviglio e Cassina de' Pecchi.

Forte temporale sulla Martesana, anche l'ospedale finisce sott'acqua
Attualità Martesana, 16 Settembre 2021 ore 20:28

Un forte acquazzone si sta abbattendo in queste ore sulla Martesana, oggi, giovedì 16 settembre 2021. La situazione più critica è a Bussero dove una strada è completamente allagata e la circolazione è molto difficoltosa.

Situazione critica a Bussero

Circolazione molto problematica a Bussero in via Milano, una strada che è frequentemente soggetta ad allagamenti. Il livello dell'acqua è salito rapidamente e alcuni automobilisti si sono trovati in difficoltà. I più effettuano l'inversione di marcia e cercano un percorso alternativo. Si tratta della Provinciale che conduce a Cassina de' Pecchi e Cernusco sul Naviglio.

Sul posto sono accorsi i volontari della Protezione civile che stanno operando per limitare i disagi. Le auto riescono a transitare anche se con qualche difficoltà.

Gli automobilisti sono invitati a prestare la massima attenzione.

Strade allagate anche in altri Comuni della Martesana, ma per il momento senza particolari altre difficoltà.

L'ospedale Uboldo finisce sott'acqua

Un'alluvione che seppure annunciata (già da giorni era stato diramato l'allarme giallo) non sta risparmiando danni legati alla grande quantità d'acqua che sta cadendo al suolo. A Cernusco, per esempio, in difficoltà il personale dell'ospedale Uboldo dove si registrano diversi allagamenti. In particolare nel piano sotterraneo dove l'acqua sta precipitando dalle scale bagnando i pavimenti dei corridoi.

Difficoltà alla viabilità

Si segnalano problemi alla viabilità in diverse zone della Martesana. A Pioltello, per esempio, diverse strade sono completamente allagate e si consiglia di procedere a bassa velocità per non rischiarare di perdere il controllo del veicolo.

Discorso che vale ancor di più in prossimità dei sottopassi, come a Melzo o Vignate, dove comunque la situazione viene costantemente monitorata dalle Protezioni civile sempre attive sul territorio.