Attualità
salute

Fondazione Marchesi di Inzago: "L'obiettivo è rilanciare gli ambulatori"

Relazione di inizio mandato del nuovo Direttivo dell'ente che si occupa di sanità nel territorio. Dopo due anni difficili dovuti alla pandemia, l'obiettivo primario è ora ripartire dai servizi offerti.

Fondazione Marchesi di Inzago: "L'obiettivo è rilanciare gli ambulatori"
Attualità Cassanese, 23 Aprile 2022 ore 15:08

Si è tenuta questa mattina a Inzago, nella sala delle colonne della Fondazione Marchesi la relazione di inizio mandato del nuovo Direttivo dell'ente che si occupa di sanità nel territorio. Dopo due anni difficili dovuti alla pandemia, l'obiettivo primario è ora rilanciare i servizi e in particolare quelli degli ambulatori.

5 foto Sfoglia la gallery

A Inzago la relazione della Fondazione Marchesi

A fare gli onori di casa la presidente Marta Mura che ha snocciolato i numeri che fotografano un periodo davvero difficile appena trascorso e non ancora concluso. Solo nel 2021 la perdita secca è stata di 350mila euro, dovuta all'emergenza sanitaria.

La Fondazione Marchesi gestisce infatti anche una residenza anziani: al momento i posti occupati sono 65, contro una capienza possibile di 70. Un gap dovuto alle disposizioni regionali in materia di prevenzione dell'infezione da Coronavirus.

"Nella prima fase della pandemia abbiamo avuto come tutti molta difficoltà a reperire i dispositivi di protezione individuale come le mascherine - ha spiegato Mura - Per procurarceli abbiamo investito ben centomila euro, mentre dalla Regione ce ne sono state rimborsati solo trentamila, perché il capitolo di bilancio era esaurito".

La congiuntura attuale non è favorevole visto i rincari delle utenze. Il progetto del Direttivo della Fondazione Marchesi è virare verso soluzioni green che facciano anche risparmiare in bolletta, come l'installazione di lampade Led e pannelli fotovoltaici.

"Questi ultimi erano già stati proposti in passato, ma il nostro edificio è storico ed è dunque sotto la tutela della Sovrintendenza che aveva bocciato il progetto, ritenendo possibile invece solo una soluzione particolarmente gravosa dal punto di vista economico - ha proseguito Mura - Oggi le linee guida in materia sono state modificate e sono anche state introdotte nuove soluzioni. Ciò dovrebbe consentirci di trovare un tipo di impianto che soddisfi le nostre esigenze".

L'ultimo punto è quello che più coinvolge la popolazione ed è il rilancio del poliambulatorio. L'intenzione del Direttivo è di intensificarne le attività. Sino a oggi è stato utilizzato al 40% delle sue potenzialità, mentre l'obiettivo è di raddoppiare.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter