Attualità
Senza più una casa

Famiglia sfrattata protesta dormendo nell'auto parcheggiata davanti al Comune

I due, di Cologno Monzese, si barcamenano con piccoli lavori saltuari, che però non garantiscono entrate finanziarie tali da poter prendere in locazione un altro immobile.

Famiglia sfrattata protesta dormendo nell'auto parcheggiata davanti al Comune
Attualità Martesana, 10 Aprile 2022 ore 12:34

Marito, moglie e figlia 18enne hanno dovuto lasciare il loro appartamento di Cologno Monzese.

Famiglia sfrattata dorme nell'auto parcheggiata davanti al Comune di Cologno

Giovedì 7 aprile 2022, a seguito dello sfratto, ha dovuto dire addio alla sua casa in corso Roma, nella quale viveva da poco più di un decennio. Grazie a una colletta organizzata in Sicilia (la sua regione natale) è riuscito ad acquistare un’auto e ad aiutare la figlia 18enne a trovare una sistemazione in affitto in un piccolo appartamento in condivisione con la suocera, affinché la giovane possa continuare ad avere una vita più normale e tranquilla possibile. Lui, italiano di 56 anni, e la moglie di origine ucraina di 47, hanno invece deciso di posteggiare la Golf davanti a Villa Casati a Cologno Monzese. E qui hanno dormito, esponendo un cartello sul finestrino che recita "Sfratto 7 aprile già eseguito". Entrambi si barcamenano con piccoli lavori saltuari, che non garantiscono loro entrate finanziarie tali da poter ambire a prendere in locazione un altro immobile. Da qui la scelta forte di parcheggiare la macchina all’ombra del Municipio.

"Prima gli italiani? Sì, ma in strada"

Allo sfratto erano presenti anche il capogruppo del Pd Giovanni Cocciro e Gilberto Garbelotto dell’Unione Inquilini di Cologno Monzese.

"Il motto di Lega e Fratelli d’Italia è 'prima gli italiani': sì, ma in strada - ha commentato Cocciro - Il sindaco Angelo Rocchi dice che non c’è alcuna emergenza abitativa: peccato invece che ci sia".

Il servizio nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 9 aprile 2022.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter