Attualità
Polemica

Erba alta e nessun taglio, la minoranza attacca il sindaco

A Pozzo D'Adda il contratto di appalto per la manutenzione del verde è scaduto il 31 marzo: l'Amministrazione programma dei tagli straordinari

Erba alta e nessun taglio, la minoranza attacca il sindaco
Attualità Trezzese, 28 Maggio 2022 ore 15:45

L’erba cresce... ma nessuno la taglia. E' questa l'accusa lanciata dalla minoranza di Pozzo D'adda nei confronti dell'Amministrazione. Che ha promesso di rispondere alle accuse martedì 31 maggio 2022, in occasione della prossima seduta del Consiglio comunale.

L'accusa di Emilio Generoso: "L'appalto con la ditta incaricata è scaduto il 31 marzo"

La prima bordata è arrivata dal consigliere Emilio Generoso, capogruppo di Insieme per Pozzo e Bettola: l'appalto per la manutenzione del verde in paese, dato in gestione a una cooperativa della zona, è infatti scaduto il 31 marzo. E l'Amministrazione guidata dal sindaco Andrea Villa non avrebbe ancora provveduto al conferimento del servizio a una nuova ditta.

«E’ una situazione imbarazzante: l’appalto con la cooperativa che aveva in carico la manutenzione ordinaria del verde era stato realizzato dalla precedente Amministrazione ed è scaduto il 31 marzo: da quel momento, il Comune non ha più avuto nessuno sotto contratto a cui dare in gestione i lavori. Così l’ultimo taglio dell’erba effettuato per contratto è stato quello del settembre 2021, a cui è seguita una raccolta delle foglie secche ad ottobre».

Il consigliere Roberto Caspiati: "L'erba ha sommerso le giostrine dei parchi giochi"

Alla richiesta di spiegazioni si è unito anche l’altro capogruppo di minoranza, l'esponente di Viviamo Pozzo con Bettola Roberto Caspiati.

«L’erba all’interno dei parchi ha raggiunto l’altezza delle giostrine: è evidente che ci siano dei problemi legati alla manutenzione del verde, forse a causa dell’eredità raccolta dalla precedente Amministrazione. Non possiamo basarci solo su interventi di potatura straordinari, occorre la concessione di un nuovo appalto con tagli programmati e, nel caso non fossero sufficienti, di eventuali implementazioni. L’importante è non trovarci nella stessa situazione nel giro di un mese».

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta dell'Adda in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 28 maggio 2022.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter