Menu
Cerca
Errore "costoso"

Dati sensibili online, Truccazzano multata dal Garante della privacy

I fatti risalgono a più di sei anni fa, ma ora il Municipio dovrà mettere mano al portafogli.

Dati sensibili online, Truccazzano multata dal Garante della privacy
Attualità Melzese, 11 Maggio 2021 ore 11:06

Il Garante della privacy ha comminato a Truccazzano una sanzione superiore ai ventimila euro. La sentenza è arrivata a dicembre dello scorso anno, ma ora il Comune dovrà mettere mano al portafogli e pagare la multa.

Truccazzano, il Garante della privacy multa il Comune

I tempi della giustizia italiana sono lunghi e si sa. Anche in questo caso la tradizione non è stata smentita: ci sono voluti più di sei anni per arrivare alla conclusione dell'iter giudiziario, che ha portato alla condanna del Comune di Truccazzano, che dovrà ora pagare una multa superiore ai ventimila euro. Il motivo? Nel febbraio 2015 sull'Albo pretorio (consultabile da chiunque in Rete) finirono per alcune ore dei dati sensibili di persone seguite dai Servizi sociali. Un mero errore materiale: venne infatti caricato negli allegati anche un file Excel che non doveva essere pubblicato. Erano le 20 e il documento rimase online fino alla mattina successiva, per poi essere rimosso, una volta accortisi dell'errore. Poco tempo, ma sufficiente per ricevere una sanzione da parte del Garante della privacy.

La segnalazione in Consiglio comunale

A portare a galla la questione fu l'allora consigliera comunale di opposizione Cornelia Di Finizio, che chiese chiarimenti durante una seduta del Consiglio. Carlo Tirabassi, che ricopriva la carica di assessore alla Trasparenza, venne anche convocato dal Garante a Roma a cui spiegò quanto era accaduto. Sembrava essere finito tutto nel dimenticatoio: da quell'udienza nella Capitale in Comune non arrivarono più notifiche o altra documentazione. Questo fino a dicembre 2020, quando improvvisamente è giunta la sentenza di condanna. L'attuale Amministrazione ha quindi dovuto provvedere a una variazione di bilancio per poter pagare i 23.086 euro.

Il servizio completo sulla Gazzetta dell'Adda in edicola e in versione sfogliabile web per pc, smartphone e tablet da sabato 8 maggio 2021.