Pulizia straordinaria

Dal "cimitero dei camion" di Melzo rimossi oltre 4 quintali di rifiuti

La Polizia Locale ha effettuato controlli nell'area industriale tra via Dossetti e via Erba

Dal "cimitero dei camion" di Melzo rimossi oltre 4 quintali di rifiuti
Pubblicato:

L’area industriale di Melzo non è terra di nessuno. Questo il messaggio che ha lanciato l’Amministrazione chiedendo alla Polizia Locale di effettuare un servizio speciale tra via Dossetti, via Erba e via Togliatti, zone trasformate in discariche a cielo aperto e in "cimiteri" per mezzi pesanti e autoarticolati.

Pulizia in zona industriale a Melzo

Nelle scorse settimane gli agenti hanno effettuato un importante intervento di "pulizia" nella zona industriale. Il primo aspetto è stato verificare la proprietà delle decine di rimorchi di camion abbandonati nei parcheggi.

"Melzo ha un territorio molto vasto e può diventare difficoltoso contrastare il degrado urbano, specialmente nelle aree più periferiche e meno battute. A seguito delle segnalazioni e delle verifiche da noi effettuate, abbiamo un censimento di quelle zone più critiche per quanto riguarda il tema dell’abbandono dei rifiuti".

ha spiegato il comandante Ugo Folchini.  Nel mirino l’ex deposito di pullman e i parcheggi per i camion, tempio del degrado e dell’incuria.

Quattro quintali di rifiuti rimossi

In collaborazione con Cem Ambiente è stato organizzato un servizio straordinario di rimozione dei rifiuti che ha interessato, in particolare, proprio i parcheggi della zona industriale. Ed è stato come scoperchiare il vaso di Pandora, visto che tra rimorchi e aiuole sono stati raccolti oltre quattro quintali di rifiuti di ogni genere.

20240115_103536_resized_1
Foto 1 di 7
20240115_103408_resized_1
Foto 2 di 7
20240115_103335_resized_1
Foto 3 di 7
20240115_103339_resized_1
Foto 4 di 7
20240115_103437_resized_1
Foto 5 di 7
20240115_103447_resized_1
Foto 6 di 7
20240115_103647_resized_1
Foto 7 di 7

La notizia completa la potete trovare sulla Gazzetta della Martesana in edicola e in versione sfogliabile per pc, smartphone e tablet a partire da sabato 10 febbraio 2024. 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali