Attualità
buone notizie

Da Kiev arriva in una scuola dell'infanzia di Gorgonzola un regalo inaspettato

E' successo nella sezione Lilla della scuola dell'Infanzia Collodi di Gorgonzola, che questa settimana ha ricevuto un video davvero speciale

Da Kiev arriva in una scuola dell'infanzia di Gorgonzola un regalo inaspettato
Attualità Martesana, 16 Luglio 2022 ore 11:50

Si dice che si raccoglie ciò che si semina. E in questo caso non potrebbe essere più vero.

Questa settimana i piccoli della scuola dell'infanzia Collodi di Gorgonzola hanno ricevuto un filmato proveniente da Kiev, in cui si vedono i loro coetanei impegnati a dissodare il terreno e piantare nel giardino del loro istituto dei semini speciali: quelli che gli alunni gorgonzolesi avevano spedito in dono in precedenza.

Gorgonzola e Kiev piantano i semi di una nuova amicizia

Tutto è incominciato quando le maestre della sezione lilla hanno cercato di spiegare quello che sta succedendo da ormai parecchi mesi in Ucraina, dove la popolazione è straziata da un conflitto che dura ormai da 143 giorni.

I bambini ascoltano, le immagini scorrono… e così “sentono” dentro di loro la guerra - ha raccontato Carmela Valenti la dirigente dell'Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini, di cui il Collodi fa parte - Da Gorgonzola è partita una raccolta di generi alimentari e non, a sostegno della popolazione Ucraina. I nostri bimbi hanno deciso così di inviare un pacco “speciale” pieno di semi di mele, di fiori e di fagioli magici con un messaggio di speranza che potesse passare oltre il confine geografico e linguistico.

Il pacco ha compiuto il suo viaggio insieme alle altre donazioni, fino ad arrivare in una scuola della capitale ucraina. Qui, le maestre li hanno piantati insieme ai bambini in un piccolo terreno dietro la scuola, avendo cura di filmare il tutto. Il video è stato poi inviato a un genitore di un alunno, che l'ha condiviso con il resto della classe. Una bella notizia per l'intera scuola dell'infanzia, soprattutto per il messaggio, in lingua italiana e in lingua ucraina, con cui il filmato terminava: “siamo felici di avere amici in Italia….insieme siamo una forza …crediamo che la pace arriverà presto!”

5 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter