Attualità
Parla Fontana

Cresce l'allarme siccità in Lombardia. Fontana "Se non piove situazione preoccupante"

La scarsità di acqua che da diverse settimane ha messo in allarme la nostra Regione e non solo, sta diventando un problema sempre più grande.

Cresce l'allarme siccità in Lombardia. Fontana "Se non piove situazione preoccupante"
Attualità 01 Luglio 2022 ore 11:57

La scarsità di acqua che da diverse settimane ha messo in allarme la nostra Regione e non solo, sta diventando un problema sempre più grande.

Cresce l'allarme siccità in Lombardia

Mentre gli amministratori locali, anche del nostro territorio, sono alle prese con ordinanze di diverso tipo per cercare di limitare il più possibile l'utilizzo delle risorse idriche per esigenze non strettamente indispensabili, a livello regionale è stato siglato proprio ieri, giovedì, un accordo con il Trentino per dare una mano a quella parte di territorio lombardo che si serve del lago d'Idro. Grazie a questo accordo arriveranno 5 milioni di metri cubi di acqua in più.

Il problema al momento non è per l'uso civile dell'acqua per il quale, spiega la Regione, "non dovremmo avere problemi", ma per tutti gli altri utilizzi, agricoltura e allevamento in primis.

L'acqua in arrivo dal Trentino, ha fatto sapere il governatore Attilio Fontana, tamponerà la situazione fino al 9 di luglio. Poi, se non piove, la situazione si farà più preoccupante.

"Abbiamo fatto tutto quello che potevamo - ha spiegato il governatore Fontana - , raggiungendo accordi con tutti i gestori dei bacini idroelettrici. Sino al 9 luglio potremo 'andare avanti', oltre diventerà difficile. Oggi invieremo al Governo la relazione riguardante la nostra situazione, in attesa, probabilmente lunedì, della decisione sullo stato di emergenza".

"Bisognerà comunque utilizzare l'acqua che abbiamo in modo molto attento. Se non piove - ha aggiunto Fontana - la situazione diventa preoccupante. Per gli usi civici invece non dovremmo avere problemi".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter