Attualità
emozionante momento

Centinaia di persone a Cassina de' Pecchi per la pace in Ucraina

Una serata davvero toccante di silenziosa protesta al conflitto scatenato dalla Russia.

Attualità Martesana, 03 Marzo 2022 ore 08:45

In centinaia hanno preso parte ieri sera mercoledì 2 marzo 2022 alla fiaccolata per la pace in Ucraina che si è tenuta a Cassina de' Pecchi.

Un lungo fiume di persone  a Cassina

La fiaccolata è partita dalla piazza antistante il Municipio e si è snodata lungo via Marconi fino a raggiungere quella della chiesa. I partecipanti tenevano un mano un lume. Era un lungo e silenzioso fiume di persone, impressionante e commovente. L'iniziativa, organizzata da Marino Contardo del comitato Cassina Bene comune, è stata sostenuta dalla comunità pastorale e ha visto l'adesione di tantissime associazioni del territorio.

16 foto Sfoglia la gallery

Davanti alla parrocchiale di Santa Maria Ausiliatrice so0no stati letti alcuni brani letterari accompagnati da musiche sul valore della pace e sulla negatività della guerra. Rodari, Quasimodo e tanti altri nell'interpretazione di alcuni attori di compagnie cassinesi,  hanno fatto riflettere e comprendere meglio cosa sta accadendo in Ucraina, ma non solo.

La sindaca Elisa Balconi ha preso la parola per ricordare che la guerra non deve trovare più posto e che l'Europa come la conosciamo oggi poggia le sue basi proprio su quanto ha appreso da dolore e dalla distruzione portato dal secondo conflitto mondiale.

In chiusura una rappresentanza dei circa cento ucraini che vivono a Cassina hanno intonato, alcuni di loro in lacrime, il proprio inno nazionale.

"Non è ancora morta la gloria dell'Ucraina, né la sua libertà,
a noi, giovani fratelli, il destino sorriderà ancora.
I nostri nemici scompariranno, come rugiada al sole,
e anche noi, fratelli, regneremo nel nostro Paese libero.
Daremo anima e corpo per la nostra libertà,
e mostreremo che noi, fratelli, siamo di stirpe Cosacca".

9 foto Sfoglia la gallery

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter