Attualità
Il caso

Brugherio perderà il primato per il volo in mongolfiera?

Un recentissimo studio scompaginerebbe la tradizione che celebra l'impresa di Paolo Andreani.

Brugherio perderà il primato per il volo in mongolfiera?
Attualità Brugherio, 06 Novembre 2022 ore 12:28

Brugherio perderà il primato per il volo in mongolfiera? Un recentissimo studio scompaginerebbe la tradizione che celebra l'impresa di Paolo Andreani.

Una scoperta (parziale) che rischia di pesare

Una notizia che non poteva non destare sorpresa, con un pizzico di paura. Brugherio ha fatto dell’impresa del conte Paolo Andreani uno dei suoi orgogli e capisaldi, al pari forse delle spoglie dei Magi custodite nella chiesa di San Bartolomeo. Apprendere ora che il primo volo in mongolfiera in Italia potrebbe essere avvenuto a Crema, poche settimane prima dell’ascensione dalla villa del nobile di Moncucco, rischia di sparigliare tutte le certezze fin qui maturate. Ma studiosi ed esperti locali (abituati ad avere a che fare quotidianamente con le fonti) mantengono un proverbiale sangue freddo, perché tra il dire (in questo caso il leggere) e lo scompaginare c’è di mezzo un mondo di prove stratificatesi nel corso dei secoli. Che non possono avere lo stesso peso specifico di un singolo documento scovato in una biblioteca.

Il primo volo in mongolfiera è avvenuto a Crema?

Secondo una scoperta fatta dalla storico locale cremasco Luigi Dossena, nel gennaio 1784 un pallone aerostatico si sarebbe alzato in volo dal paese della Bassa. Due mesi prima quindi che Andreani (il 13 marzo) entrasse negli annali. Un’informazione scovata da Dossena all’interno di un manoscritto, confermata poi in un successivo documento parrocchiale.

Il parere dell'esperto e della Compagnia della mongolfiera

"Tutto è possibile, la storia dei primordi del volo continua a essere ricca di sfaccettature o addirittura eventi che possono sorprenderci - ha esordito lo studioso brugherese Giuseppe Sardi, che ha fatto del volo di Andreani il suo specifico ambito di ricerca - Curioso è, però, che di questa interessante scoperta non vi siano altrove minime notizie. Penso che possa essere un punto di partenza, e non di arrivo, di una nuova ricerca sui personaggi protagonisti del volo e sulle informazioni di questo evento. Resta il fatto che a mio avviso non è sufficiente una fonte o un unico documento per stravolgere la storia".

Dello stesso avviso la Compagnia della mongolfiera, che a Brugherio sta già lavorando tranquillamente alla preparazione degli eventi in occasione del 13 marzo 2023.

"L’impresa di Andreani è stata testimoniata da un’infinità di fonti dell’epoca, tanto che venne celebrato anche alla Scala di Milano come eroe nazionale - hanno sottolineato - Inoltre la forma dell’aerostato nei documenti di Crema è sospetta: è affusolata, assomiglia più a quella delle mongolfiere moderne. Inoltre non si può non considerare il fatto che la data riportata, gennaio 1784, possa essere frutto di un errore".

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 5 novembre 2022.

Seguici sui nostri canali