Attualità
Edilizia popolare

Alloggi popolari sfitti e vuoti a Trezzo sull'Adda, il sindacato inquilini chiede spiegazioni al sindaco

Dai controlli effettuati dal Sicet, su 197 appartamenti convenzionati 30 non sono abitati: eppure le richieste per una casa non mancano

Alloggi popolari sfitti e vuoti a Trezzo sull'Adda, il sindacato inquilini chiede spiegazioni al sindaco
Attualità Trezzese, 12 Gennaio 2023 ore 12:01

A Trezzo sull'Adda ci sono 30 appartamenti convenzionati liberi su 197: per i rappresentanti del Sicet, il sindacato inquilini casa e territorio, è uno scandalo e hanno chiesto al sindaco Silvana Centurelli un incontro per concordare un Piano generale di manutenzioni e rimettere a disposizione quegli alloggi alle famiglie più in difficoltà. La richiesta è stata presentata in Municipio ieri mattina, mercoledì 11 gennaio 2023.

Il Sicet chiede un Piano generale delle manutenzioni

Il lavoro del Sicet è partito a fine 2022, quando i rappresentanti del sindacato hanno fatto visita a tutti gli inquilini per raccogliere le loro istanze e verificare le condizioni degli appartamenti. A destare più preoccupazione sono stati i condomini di via Adda, dove sono stati individuate diverse perdite d'acqua e macchie di umidità nel parcheggio sotterraneo e nei muri perimetrali.

Delle 95 case comunali ben 17 sono risultate sfitte, mentre delle 102 dell'Aler, l'Agenzia lombarda per l'edilizia residenziale, 13 sono vuote, di cui 4 in ristrutturazione. Così, ieri mattina, i sindacati si sono recati a Villa Appiani per protocollare una richiesta di incontro col sindaco Centurelli, con l'obiettivo di concordare un piano generale per le manutenzioni e riassegnare al più presto gli appartamenti liberi.

L'attacco del sindacato: "4 sfratti, 4 sfitti"

Così uno dei rappresentanti del Sicet, il sindacalista Gianluigi Colombo:

Nei prossimi giorni compariranno sulle strade di Trezzo i nostri cartelloni, in cui spieghiamo la nostra posizione - ha detto Colombo - Provocatoriamente, inizia con la frase "4 sfratti, 4 sfitti": nel 2019, infatti, in via Gramsci e in via Adda erano stati effettuati quattro sfratti ma da allora quegli appartamenti non sono mai stati riassegnati. E' una vergogna, in tantissimi hanno presentato la richiesta per avere una casa, e il Comune non solo lascia vuote quelle che ha, ma rinuncia anche agli affitti che potrebbe incamerare. Per noi è uno scandalo, un'aberrazione del sistema.

Seguici sui nostri canali