Attualità
No al razzismo

A Cernusco sul Naviglio il bambino di Manchester "amico" di Rashford

Dexter Rosier, di 9 anni, difese l'attaccante inglese dagli insulti razzisti dopo l'errore dal dischetto nella finale con l'Italia. Domenica era in città ospite del Fair play festival dell'Aso.

A Cernusco sul Naviglio il bambino di Manchester "amico" di Rashford
Attualità Martesana, 05 Ottobre 2021 ore 15:50

Dopo la finale persa con l'Italia ai Campionati europei, Marcus Rashford era stato tra i calciatori inglesi di colore bersagliati da insulti di stampo razzista, per avere sbagliato un rigore. Ma lui Dexter Rosier, 9 anni, gli scrisse che era comunque il suo eroe. Una frase semplice, che però lo ha reso una celebrità e l'ospite ideale per l'ultimo giorno di Fair play festival di Cernusco sul Naviglio.

cernusco sul naviglio aso fair play festival don dexter rosier il bambino che ha consolato rashford

Una merenda che unisce

Ospite d’eccezione domenica pomeriggio 26 settembre 2021 a Cernusco sul Naviglio al campo dell’Aso Cernusco è arrivato dunque Dexter, un bambino di nove anni che, dopo lo scorso Europeo di calcio, è divenuto celebre per una lettera al centravanti del Manchester United Marcus Rashford, dopo l'errore commesso nel tiro dal dischetto.

Il calciatore inglese, come altri compagni, era stato vittima di insulti razzisti dopo la sconfitta in finale e il giovane supporter volle esprimere sostegno al fuoriclasse scrivendogli un lungo messaggio in cui affermava “sarai sempre il nostro eroe”.

L'arrivo del bambino non compariva nel programma del Fair play festival. La sua non doveva essere una testimonianza, come quelle degli illustri ospiti che hanno animato la rassegna, ma un autentico momento di amicizia.

Per domenica mattina inizialmente era prevista una partita tra genitori e figli, ma  è saltata per la pioggia. "Abbiamo perciò organizzato una merenda con Dexter, che era arrivato appositamente a Milano - hanno spiegato gli organizzatori - E' stato un piacere conoscerlo ed è l’esempio di come un ragazzino possa farsi modello anche del rispetto e di quei valori positivi che lo sport deve veicolare”.

Così i parietà dell'Aso hanno condiviso invece con lui una merenda, che ha travolto qualsiasi separazione e steccato che i grandi costruiscono: dal tifo per due Nazionali contrapposte, alla Brexit.

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 2 ottobre 2021.