Puzza a scuola a Cernusco ECCO PERCHE'

Puzza a scuola alle medie di piazza Unità d'Italia questa mattina. Il Comune ha fatto sapere le motivazioni che hanno causato questa situazione.

Puzza a scuola a Cernusco ECCO PERCHE'
Martesana, 05 Ottobre 2017 ore 16:35

Puzza a scuola alle medie di piazza Unità d'Italia questa mattina. Il Comune ha fatto sapere le motivazioni che hanno causato questa situazione.

Mattinata di lavori

"Questa mattina, in vista dell’accensione dell’impianto di riscaldamento per il periodo invernale alle porte, alcuni operai della ditta incaricata della gestione del calore degli edifici comunali, sono intervenuti per la preaccensione degli impianti di riscaldamento nella scuola di piazza Unità d’Italia, come comunicato dagli uffici del Comune nei giorni precedenti alla direzione scolastica", hanno fatto sapere dal Comune.

Puzza a scuola

Dopo prime verifiche, come spiegato da Villa Greppi hanno azionato un macchinario per il taglio di tubature in ferro al fine di sostituire il boiler stesso. Era infatti necessario sostituire all’interno del locale caldaie un boiler malfunzionante. L’operazione è stata effettuata in totale sicurezza per operai e utenti presenti nell’edificio. I lavori hanno provocato un cattivo odore non nocivo per la salute, che si è propagato verso le aule.

Un malore in conteporanea

Mentre la puzza si diffondeva a scuola un alunno non è stato bene. "Il caso ha voluto che nello stesso momento un bambino si sia sentito male", hanno rimarcato dal Comune. Questo evento ha fatto pensare agli insegnanti che il mancamento potesse essere correlato all’odore che proprio in quei minuti si era manifestato. Oltre ad allertare l’ambulanza per soccorrere il piccolo, hanno quindi contattato la direzione per segnalare la loro preoccupazione. Ma in pochi minuti si è subito chiarito, anche grazie alla conferma dei medici che hanno soccorso il bambino, che i due eventi non avevano correlazione e che quindi non c’era pericolo per alcuno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter