Menu
Cerca

Ex Sisas Accordo tra Regione Rodano e Pioltello

L'aggiudicazione degli interventi dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2019.

Ex Sisas Accordo tra Regione Rodano e Pioltello
Altro Martesana, 17 Gennaio 2018 ore 17:09

Approvato lo schema di protocollo tra Regione e Comuni di Rodano e Pioltello sull'ex Sisas.

Ex Sisas, accordo tra Regione e Comuni

Bonifica e riqualificazione dell'area ex Sisas, c'è l'accordo tra Regione e Comuni. Lo ha annunciato l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Palazzo Lombardia, Claudia Terzi. Un accordo atteso da tempo e un progetto per il quale sono già stati stanziati dal Ministero 15 milioni di euro, il cui utilizzo è vincolato all'aggiudicazione degli interventi entro il 31 dicembre 2019.

Protocollo d'intesa

"L'area ex Sisas  oggetto di procedimento di bonifica, è stata acquisita da Regione Lombardia - ha spiegato Terzi -L'accordo sottoscritto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e da Regione, il 25 novembre 2016, ha
previsto lo stanziamento per la realizzazione degli interventi di Bonifica, di 15.000.000di euro. Per definire gli
obiettivi di bonifica dell'area, è necessario sottoscrivere con  i Comuni di Rodano e Pioltello un Protocollo di intesa per lo sviluppo delle attività necessarie alla realizzazione degli interventi di bonifica e all'individuazione delle modalità di riqualificazione e sviluppo dell'area, da definire con un successivo accordo".

L'impegno di Palazzo Lombardia

"Con questo protocollo - evidenzia Terzi - la Regione si impegna a garantire la sicurezza dell'area, assicurare la manutenzione del verde e della vegetazione che interferisce con le aree esterne il  perimetro dell'area ex Sisas, completare gli interventi di caratterizzazione ambientale del sito, assicurare la progettazione, la realizzazione e il completamento degli  interventi di bonifica dell'area, anche attraverso idonea analisi di rischio. Inoltre, è prevista la valutazione delle  modalità di riutilizzo dell'area attraverso la condivisione del  processo di riqualificazione, la valutazione di eventuali proposte di utilizzo immediato di parti delle aree a favore  delle Amministrazioni comunali e il raccordo delle attività e degli obiettivi con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare".

L'impegno dei Comuni

Da parte loro le Amministrazioni locali  si impegnano, da un lato, a fornire un  quadro generale ed esaustivo sulla situazione urbanistico-territoriale dell'area e, dall'altro, avviare, in  collaborazione con Regione Lombardia, le azioni di promozione e pianificazione per la valorizzazione dell'area, in relazione al  contesto di riferimento, ai fini della sua riqualificazione ambientale e urbanistica.

Un passo importante

"Questo è un passo importante per il territorio - ha concluso Terzi  - Dobbiamo ridare dignità un'area dismessa rendendola fruibile alla cittadinanza in sinergia con le amministrazioni locali e  con obiettivi di crescita e sviluppo che siano pensati ad hoc per il territorio. In questo senso, la collaborazione con le Amministrazioni locali, diventa fondamentale".