Sponsorizzato

Come rinnovare il bagno senza cambiare i sanitari

Come rinnovare il bagno senza cambiare i sanitari
Martesana, 29 Ottobre 2019 ore 10:00

Passano gli anni e cresce il desiderio di rinnovare casa. Per camera e zona giorno spesso basta inserire qualche nuovo elemento d’arredo e cambiare la disposizione di quelli già presenti, ma per il bagno non è così.

Qui i mobili sono ridotti al minimo e perciò, a meno che non si vogliano cambiare i sanitari, bisogna concentrarsi sui complementi d’arredo: tende, specchi, accessori e soprattutto rubinetteria.
Quest’ultima, in particolare, ha un ruolo decisivo: definisce lo stile del bagno.

Cosa significa? Se a un lavabo classico associamo un rubinetto dorato dal gusto retrò, il bagno assume immediatamente un tono vintage. Ma se sullo stesso lavabo installiamo un miscelatore moderno e con una forma squadrata, l’effetto sarà completamente diverso. Prima di selezionare la rubinetteria è quindi consigliabile avere ben chiare le idee sullo stile che si intende conferire al bagno. Fare la scelta sbagliata vuol dire rischiare di compromettere il risultato finale.

C’è poi un altro fattore da considerare, la reperibilità. Non sempre i ricambi rubinetteria sono adatti al nostro bagno. Per trovare quelli appropriati, soprattutto se ci si rivolge ad e-commerce o negozi generalisti, è necessario conoscere alcune specifiche dei sanitari e dell’impianto idraulico (ad esempio la pressione dell’acqua). Altrimenti, meglio affidarsi a rivenditori specializzati, in grado di consigliarci nella scelta del prodotto più indicato.

Come fare il restyling del bagno con tende, ricambi doccia, tappeti e accessori

Il rinnovamento del bagno passa dal cambio della rubinetteria, ciò non esclude l’apporto degli accessori, da molti sottovalutati. Lo specchio, il porta asciugamani, il porta rotolo e ogni altro elemento devono inserirsi nell’arredamento in maniera armoniosa.

Lo stesso vale per le tende: le tinte accese sono indicate per bagni moderni e in stile minimal, mentre nuance naturali e colori tenui sono l’ideale per gli ambienti dal gusto classico. Per i modelli, il mercato offre moltissime opzioni, dalle tende a rullo a quelle a palloncino, senza dimenticare le tende a vetro e a pannello.

In quanto al tappeto, per esaltare la tinta del pavimento dovrebbe creare un effetto di contrasto cromatico. Oltre al colore andrebbe considerato il materiale del tappeto: quelli in microfibra hanno ottime proprietà antiscivolo e sopportano bene i lavaggi, mentre gli articoli in cotone sono più morbidi e hanno un elevato assorbimento dell’acqua. I tappeti sintetici sono pensati per la massima praticità, si asciugano velocemente e sono molto resistenti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter