In Lombardia

Ricordate che fatica avere i vaccini antinfluenzali? Ora si scopre che un milione di dosi sono inutilizzate

Campagna partita tardi con mille difficoltà, adesso si rischia di gettare al vento 10 milioni di euro.

Ricordate che fatica avere i vaccini antinfluenzali? Ora si scopre che un milione di dosi sono inutilizzate
26 Gennaio 2021 ore 18:16

Niente da fare, alla Lombardia non ne va bene una quest’anno sul fronte delle vaccinazioni antinfluenzali. Grazie alle precauzioni anti Covid, la malattia stagionale quest’anno praticamente è risultata non pervenuta… almeno quello. Eppure l’estate scorsa il vaccino antinfluenzale era stato dipinto come arma fondamentale, anche per non rischiare di confondere i sintomi dell’influenza con quelli del Covid-19.

Ricordate che fatica avere i vaccini antinfluenzali?

Da Prima Treviglio

E infatti la Regione s’era impegnata tanto per trovare gli approvvigionamenti necessari, ma niente: gare andate deserte, rialzi… insomma un caos, a fronte di una richiesta globalmente schizzata alle stelle rispetto al passato, in relazione alla capacità delle casi farmaceutiche di produrre dosi.

Un cinema giunto al termine solo a dicembre (mentre la vaccinazione sarebbe dovuta partire a ottobre) con l’aggiudicazione di una gara (la 13esima bandita da Aria Spa, la centrale acquisti regionale) del valore di 9 milioni di euro, a Solstar: cinquantamila dosi prima di Natale, 500mila nel primo mese del 2021, questo l’accordo per portare a compimento la campagna vaccinale.

Ora si scopre che un milione di dosi sono inutilizzate

Ma ora salta fuori che, a fronte di circa 2,7 milioni di dosi acquistate, ben 943mila non sarebbero mai state effettivamente inoculate dalle Ats lombarde.

La denuncia, dopo le polemiche sui ritardi nella campagna, arriva dalla minoranza al Pirellone.

“Lo dicono i dati aggiornati al 15 gennaio scorso, anche se la campagna doveva concludersi alla fine di dicembre. In questa scellerata campagna è stato sprecato fino a dieci volte di più rispetto a due anni fa. Non solo dunque un costo spropositato, ma anche un enorme spreco che si sarebbe potuto evitare”.

Così il consigliere regionale dem Matteo Piloni, che calcola in più di 10 milioni di euro il valore dello spreco.

“A 10.674.695 di euro ammonta, infatti, il valore economico delle 942.706 dosi di vaccino antinfluenzale inutilizzate dalle Ats lombarde, a fronte di 2.675.888 vaccini acquistati per un totale di 31.893.400 euro spesi”.

La palla passa ora alla Regione, anche perché resta da capire soprattutto che destino avranno tutte queste dosi al momento inutilizzate: saranno buttate o c’è la speranza di chiudere il cerchio in maniera virtuosa?

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli